Alle polemiche rispondiamo con la nostra concretezza

Alle polemiche rispondiamo con la nostra concretezza
Allegato 1 -Modello Domanda Selezione Esperto Contabile

La cattiva politica si sostiene anche con polemiche superflue e pretestuose che creano ambiguità utili solo a chi le alimenta. Fare continuo riferimento a fatti e circostanze che gettano discredito sulla Multiservizi è diventato il passatempo preferito di alcuni personaggi pur sapendo, questi ultimi, che possono essere facilmente smentiti. Ma a loro non interessa. Non interessa fare brutta figura parlando genericamente di scenari e ipotesi catastrofiche, dimenticando che nello sfascio complessivo calabrese la nostra città continua a distinguersi in positivo ed, anzi, prosegue nel rivendicare il diritto e la responsabilità ad autodeterminarsi. Questo, ovviamente, non lo si può riconoscere.  Allo stesso modo fanno finta di non vedere che proprio la gestione oculata, attenta e lungimirante di tutta la dirigenza della Multiservizi e l’abnegazione di tutto il personale consente, ancora oggi, di poter svolgere efficacemente tutti i servizi assegnati. Furbescamente fanno finta di non vedere le gravi difficoltà economiche nelle quali si dibattono le imprese private, le amministrazioni e le società pubbliche anche se, come nel nostro caso, sono scritte e regolarmente riportate in bilancio. Quello che più gli preme è dire che tutto non funziona che ci troviamo di fronte ad una catastrofe. Eppure gli strumenti per poter effettuare una valutazione obiettiva li hanno. I consiglieri comunali, poi, secondo lo Statuto e il regolamento del Consiglio comunale hanno poteri ispettivi, possono cioè in qualunque momento e senza preavviso alcuno accedere a tutti gli atti gestionali. Ad esempio, sul sequestro preventivo della discarica (a causa di un solo episodio di anomala fuoriuscita di acqua di dilavamento dalla vasca di prima pioggia). Come mai si omette di ricordare che l’impianto è stato dissequestrato senza alcuna prescrizione? Vale a dire senza che sia stato richiesto alcun intervento. Certo è faticoso, leggere, analizzare  e, soprattutto, comprendere i documenti, i dati, i bilanci, i piani industriali. E’ più facile diffondere notizie allarmistiche, è meno impegnativo e, forse, più remunerativo dal punto di vista del consenso. Forse, a condizione di essere almeno autorevoli e privi di qualsiasi onta. A nulla sono valse le nostre risposte basate non solo sull’evidenza, sorretta dalla qualità dei servizi che garantiamo ogni giorno, ma anche dai bilanci, dalle relazioni e dai risultati più che positivi che conseguiamo. A questo punto non ci rimane che evitare ogni ulteriore sterile discussione sulla stampa e, proseguendo nel nostro percorso di concretezza, chiedere al Presidente del Consiglio comunale di valutare, sulla base delle esigenze connesse al suo ufficio, la convocazione nel più breve tempo possibile di un’apposita seduta durante la quale informare sull’attività svolta e su quella in cantiere, fermo restando che le relazioni semestrali sono già state regolarmente consegnate. Infine, il presidente della Multiservizi, intende rendere noto che sta valutando l’eventualità di adire le vie legali a tutela della sua professionalità tirata in ballo a sproposito dal consigliere comunale Mazzei, non nuovo a tali irriguardose uscite pubbliche e per questo già querelato in passato.